LA SCUOLA: IL MAL ESSERE ITALIANI


I dati OCSE denotano il malessere della Scuola italiana, le difficoltà, la sostanziale indifferenza di un Paese che nei 70 anni di repubblica ha cambiato mediamente un ministro della Pubblica istruzione ogni anno e mezzo e che vede nel solo 2018 più di 150mila abbandoni da parte degli studenti. Il libro vuole essere una riflessione che tenta di andare a fondo di alcuni problemi, i più evidenti, e forse, i più ardui da affrontare, con la voce di un insegnante: una voce che vive la Scuola quotidianamente e quotidianamente ne affronta i problemi, come migliaia di altri insegnanti nel nostro Paese fanno, cercando di andare oltre le difficoltà prodotte dai drastici tagli che negli ultimi dieci anni hanno colpito il sistema, senza alcuna remora e senza alcuna progettazione; di andare oltre le difficoltà insite in una professione sempre più complessa man mano la società e il Paese si evolvono, man mano che si procede negli anni con ripetute riforme sbandierate come la soluzione definitiva ai problemi e che puntualmente vengono smantellate al governo successivo, senza che mai si progetti un sistema Scuola che possa durare e che soprattutto indichi chiaramente che tipo di formazione dare ai cittadini del futuro.

“Scuola: Il mal essere italiani” è appunto vivere male codesta istituzione che dovrebbe essere concepita come lo strumento per arrivare al miglioramento del nostro Paese. Un mal essere che riflette il mal essere di una nazione alla deriva etica, politica ed economica. E’ il vivere male a causa dell’ignoranza, della scarsa progettualità, della mancanza di volontà reale di miglioramento. Forse è il mal essere di chi sa che tutto ciò è stato voluto e perpetrato negli anni, senza che nessuno si levasse a denunciare seriamente lo smantellamento della Scuola pubblica.
“Scuola: il mal essere italiani” è un’analisi che vuole stimolare il dibattito, cercando di superare il corporativismo di categoria o gli schemi precostituiti dell’opinione pubblica.
SU AMAZON IN FORMATO EBOOK E CARTACEO

Senza categoria

Informazioni su letteratura e musica

Dario Balzaretti è Laureato in Lettere. Studioso di Storia di Roma e del Medioevo. E’ stato segnalato in numerosi premi letterari, tra cui il Premio Bontempelli Marinetti (1984) con il racconto “Il ganzo e il gonzo” Il Premio poesia Val Formazza 1988, secondo premio con la poesia "La sera" Il Premio Dante Graziosi (2004 segnalato con il racconto Il torello di San Antonio pubblicato in "Sono queste che contano e altre storie" Piccolo Torchio editore e 2008 terzo premio con Il compagno senza voce pubblicato in "L'America del Pilade e altre storie") Nel 1991 ha pubblicato il romanzo “La pietra di Bezoar”. “Una storia” nel 2010. Uno zuccone imperatore, Eretica Edizioni, Delitto a scuola Edizioni Nulladie nel 2016.

Precedente LA MEMORIA PER I MILITARI ITALIANI INTERNATI Successivo L'agenda del colonnello